Tre parole per una rotta

Quest'anno non è stato affatto semplice decidersi per le mie tre parole, non perché dopo un 2020 così funesto servano delle parole davvero potenti per uscire da questo pantano mondiale, piuttosto perché le tre parole precedenti hanno svolto un lavoro superlativo, nonostante tutti gli impedimenti occorsi. E dunque diventa davvero…

L’ottovolante pazzo delle emozioni del 2020

Siamo alle ultime ore di questo anno infausto, sui social impazzano i countdown e le barzellette che lo vedono protagonista come annus horribilis in mezzo al 1929, l'anno della Grande Depressione, al 1348 con la peste, al 1968 che ha fatto fuori Kennedy e Luther King, al 1915 e al…

Il mistero della lavatrice

Oggi chiedo l'aiuto da casa per trovare una spiegazione plausibile a un fatto curioso di cui mi sono accorta in un attimo di folle lucidità. O di lucida follia. Nel giorno delle pulizie settimanali, che per una serie di sfortunati eventi coincide al momento con la domenica, altro che riposo,…

Cinque candeline per webnauta (e una sorpresa)

Alla fine, ciò che conta non sono gli anni della tua vita, ma la vita che metti in quegli anni. Abraham Lincoln Qualcuno prima o poi me lo spiegherà perché gli anni sui banchi di scuola passano lenti, lenti, lenti e gli anni invece in cui ti muovi tra un…

La tana dello scrittore
…o la caverna dello scribacchino?

L'idea di mostrarvi il luogo dove prendono vita le mie idee scrittorie nasce dal post di Grazia Gironella nel suo blog Scrivere Vivere dove ha fotografato e illustrato la sua tana da scrittore, una bellissima scrivania posizionata vicino alla cucina, in piena luce del giorno, ricca di oggetti particolari che già…

Quando la Postilla vale più del libro (per chi scrive)

Fino a qualche anno fa nutrivo più di qualche pregiudizio verso Stephen King, non avevo mai incrociato un suo romanzo, anche perché non mi piace il genere horror, nemmeno sapevo che avesse scritto racconti thriller poi racchiusi in varie antologie. Quando ricomparve la scrittura nella mia vita, ancora prima di…

Cosa significa essere blogger

Dopo aver letto Grazia Gironella nel suo blog Scrivere Vivere e Maria Teresa Steri nel suo blog Anima di carta, ho deciso di partecipare anch'io all'interessante intervista collettiva lanciata da Nick Parisi nel suo blog Nocturnia (siamo quasi vicini di casa, se ho letto bene dalla sua zona proveniva il…

Regali per lettori
(e pure per scrittori!)

Oggi ci diamo allo shopping terapeutico! Sguainate la vostra carta di credito (meglio se prepagata, fidatevi!) e vediamo quali oggetti sfiziosi possiamo regalare a dei lettori incalliti, che non siano solo ovviamente libri. Anzi, qualcosa da abbinare proprio ad una buona lettura, sia che la forniate voi, sia che già…

Tess dei d’Urberville di Thomas Hardy
Emozioni di una lettura condivisa

Lui mi prende per mano e mi porta verso l’ampio divano bianco. Sedendomi, mi colpisce il fatto di provare la stessa sensazione di Tess Durbeyfield mentre guarda la villa del famigerato Alec d’Urberville. Il pensiero mi fa sorridere. «Cosa c’è di così divertente?» Si siede accanto a me, e si…

La mia esperienza con Audible e Jonathan Coe

Avevo già scritto un articolo sugli audiolibri, perché sono un'opportunità interessante di leggere quando passiamo molto tempo fuori casa, in attesa o in viaggio, ma abbiamo la necessità di avere le mani libere per altre attività come guidare oppure vogliamo rilassare completamente la vista e lasciarci trasportare da un'altra voce.…