Storie di gatti

Dice Mosè (il gatto, non il predicatore):
Il cane è il migliore amico dell’uomo.
Il gatto è il suo migliore padrone.

Scusa Mosè, intendi dire che il gatto è il padrone dell’uomo …o del cane?
Mi rivolge uno sguardo arrabbiato e seccato, come se avessi formulato una domanda sciocca e inutile, ma è il suo atteggiamento di sempre (anche quando è strafelice di fronte a una scatoletta al salmone). Poi mi volta le spalle, o dovrei dire il sedere, e se ne va per la sua strada ancheggiando stancamente. Temo che la risposta dovrò trovarmela da sola.

Mosè però non ha tutti i torti. Cani e gatti difficilmente vanno d’accordo, ma questa è una delle rarissime eccezioni in cui hanno lavorato insieme per uno scopo comune: aiutare chi ha bisogno, soprattutto nel momento in cui si spengono i riflettori dei media.
Quasi un anno fa – è già passato un anno, si! – la terra ha tremato, più e più volte, nel centro Italia, portandosi via case, borghi, interi paesi, strade, e famiglie. Il terremoto ha scosso tutto e tutti, nel bel mezzo delle loro vacanze.
Impossibile rimanere indifferenti a quella tragedia, così un gruppo di amici, capitanati da Serena Bianca De Matteis, già autrice del libro “Buck“, hanno donato ognuno un racconto e preparato un’antologia in vendita su Amazon, sia in ebook che in cartaceo, il cui ricavato viene donato ogni mese alla Croce Rossa Italiana per gli aiuti alle popolazioni colpite: nasce così “Buck e il terremoto”, racconti a quattro zampe, per lo più cani e lupi.
Ne avevo già scritto qui in occasione delle feste natalizie: “Buck e il Terremoto” sotto l’albero

Ad oggi sono stati raccolti e devoluti la bellezza di 1.562 euro, quasi 500 cartacei e 80 ebook, il che è un bel successo per un libro in self-publishing senza le risorse delle grandi case editrici. Ci sono state presentazioni e convegni a Milano, una collaborazione con l’azienda Melinda che ha inserito una copia di Buck nelle ceste natalizie, un evento Rock-Burger con panino + libro, qualche intervista radio online, il patrocinio dei Comuni di Amatrice e Accumoli, maggiormente colpiti dal sisma.
La forza del branco ha dato il meglio di sé.
E i gatti non c’hanno visto più… Che è sta storia che i cani si e noi no?!

 

Storie di gatti

L’idea di creare una seconda antologia, questa volta felina, è nata dopo la tragedia che ha colpito l’Hotel Rigopiano, quando una valanga ha travolto altre vite e altre famiglie, nelle stesse zone già danneggiate dal terremoto. La squadra di Buck ha quindi deciso di raddoppiare gli sforzi, cercando nuovi racconti e nuovi autori, in tutta la penisola.
Sono stati selezionate 24 nuove storie d’amore e speranza, miagolanti e arruffate, ma soprattutto cariche di fusa.

“Storie di Gatti” ha visto la luce grazie alla passione e all’impegno di Anna D’Alessio, Anna Maria Fabbri, Anna Lelli Mami, Barbara Businaro, Corinna Campanella, Daniele Imperi, Daniele Savi, Deborah Leonardi, Elisa Riddo, Emma Frignani, Gaspare Burgio, Giulia Mancini, Giuseppe De Micheli, Gloria Maria Magnolo, Licia Luisetto, Lucia Cabello, Marco Stabile, Maria Beatrice Venanzi, Paolo Forte, Sandra Buttafava, Sara Gavioli, Serena Bianca De Matteis, Silvia Algerino, Stefania Lai, Tiziana Balestro, Velma J.Starling.
Oltre alla collaborazione degli autori della prima antologia, che continuano a fornire il loro supporto all’iniziativa.

Eh già, avete letto bene. Questa volta anch’io ho contribuito con un racconto. Era già pronto, era piaciuto ai lettori, andava solo revisionato per sistemare il numero di battute, e sentivo il mormorio basso di Simba che sussurrava: invialo, è la mia storia, e se vuoi ricordarmi lasciami entrare nel gruppo. Così è stato. Se i gatti hanno sette vite, una di queste è di carta.

Storie di gatti è infatti dedicato a: Darko, Mitchum, Sean, Pluto, Simba, Cesira, Luna, Ulisse, Diabolik, Fiore, Isotta, Obi, Mina, Patonfa, Rui, Lea, Scheggia, Zagor e Melissa, che hanno lasciato le loro impronte nel nostro cuore.

“Storie di gatti” lo potete acquistare direttamente su Amazon, qui: Storie di Gatti: Nuovi racconti a quattro zampe (Buck e il Terremoto Vol. 2) 

Se vi manca la prima antologia, la trovate sempre su Amazon: Buck e il Terremoto: Racconti a quattro zampe 

Tutte le notizie e i report delle donazioni mensili alla Croce Rossa Italiana li trovate nel sito ufficiale: www.buckeilterremoto.com
E avete a disposizione anche i social dove seguire noi e i nostri felini:

 

Storie di gatti - L'amore non crolla

 

#LAmoreNonCrolla #RoadTo1million

L’amore non crolla, ma raddoppia e non solo con la nuova antologia.
Per l’occasione, la squadra ha deciso di cimentarsi pure in un video: gli autori e i loro amici animali, semplicemente.
Se è vero che in rete i video diventano più virali delle fotografie, vogliamo raggiungere quante più condivisioni possibili …un milione?!
Potete iscrivervi al canale YouTube: Buck e il terremoto 
e condividere il video con l’hashtag #LAmoreNonCrolla

 

 

Sono entrata a far parte della squadra da poco, sebbene seguissi il progetto e cercassi di dare una mano anche prima. Siamo in tanti, ognuno incasinato col suo lavoro, le sue faccende, tutti con orari diversi da gestire, disseminati in tutta la penisola ma tutti collegati, quelli più tecnologici (eh no, non sono mica io! 😛 ), più grafici, più social, e quelli che dipingono, che organizzano, che contattano, che fotografano, che condividono ai quattro venti, anche dal panettiere, l’iniziativa.
Siamo una squadra fortissimi, fatta di gente fantastici. Ecco, questo lo dovevo scrivere.

Send to Kindle

10 commenti su “Storie di gatti

  1. Il branco, con l’entrata dei nuovi autori, si è ingrandito e rinnovato parecchio. L’obiettivo comune, oltre ovviamente alla solidarietà, è quello di creare un ambiente virtuale sereno e collaborativo per cui fa molto piacere quello che scrivi. 😉

  2. Il branco felice dell’arrivo dei nuovi arrivati si complimenta con tutti. Nuova linfa, bellissimi racconti e tanta energia. Tutti insieme, cani e gatti e umani per un futuro migliore.

  3. È bello far parte del branco! Comunque cani e gatti possono essere amici per una buona causa (che poi nella realtà ho visto anche cani e gatti crescere insieme amorevolmente ) e adesso condivido il tuo post così diffondo!

    1. Io ho visto un pastore tedesco, ex cane poliziotto, tirare su un piccolo micio, dormivano nella stessa cuccia tutte le sere e si coccolavano a vicenda. Anche tra di loro è una questione di carattere. 😉

    1. Io ho terminato stamattina la mia lettura (solo gli editor avevano già letto tutto). Gatti magici, gatti galattici, gatti eroi, gatti sbruffoni e gatti romanticoni. Storie per tutti i gusti e di tutti i colori (dei manti pelosi). Così belle che quasi quasi mi chiedo che ci faccio io là in mezzo 😛

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *