Diario difficile di un lettore sulla spiaggia
Giorno 5 – Procaci distrazioni

Tornato il bel sole, ho recuperato il mio posto di lettura sulla sdraio. Oggi però mi riesce parecchio difficile concentrarmi sulle indagini per ritrovare un feroce serial killer, vuoi perché lo scrittore è stato davvero bravo a dosare paura e tensione, in eccesso, vuoi perché nell’ombrellone di fronte al mio c’è una splendida quarantenne in topless e il mio cuore ogni tanto ci perde un battito.
Quando penso che finalmente si stende a pancia in giù nel lettino, ecco che abbassa completamente lo schienale e lei si solleva sui gomiti per leggere una rivista, cosicché mi ritrovo due gocce perfette farmi l’occhiolino maliziose. Fossi nato qualche decennio dopo…
Che alla mia età si rischia solo un infarto. Se anche qualcosa si muove laggiù, è solo un riflesso automatico in memoria dei tempi andati. Null’altro. E nel frattempo ho lasciato nuovamente quel povero ispettore brancolare nel buio delle stesse pagine di un’ora prima.
Ho provato anche a girare la sdraio, dando la mia schiena alla gentil signora, ma purtroppo il vento mi arriva dritto in faccia, la luce riverbera troppo sulla sabbia libera e mi disturba la lettura. Nel suo consueto giro, Ishmael si inginocchia qualche minuto sotto la mia ombra, dà un rapido sguardo nei dintorni, si sofferma sulle collinette, poi scuote la testa divertito. “Amico, meglio se tu oggi fa passeggiata.” Scoppiamo a ridere insieme.
Lo accompagno un po’ lungo il suo percorso, poi continuo da solo nel bagnasciuga, spiando di tanto in tanto le attività degli altri bagnanti. Non cerco altri procaci distrazioni, sono invece curioso di sapere se e cosa leggono. Cuffiette, auricolari, cellulari, riviste di gossip, cruciverba e affini, ma pochissimi romanzi, spesso abbandonati intonsi sul tavolino dell’ombrellone. Mi pare di averne contati una trentina in quasi tre chilometri di costa. Eppure qui il tempo non gli manca.

(continua…)

 

Segui tutto il Diario difficile di un lettore sulla spiaggia, un giorno alla volta: calendario del diario.

13 commenti su “Diario difficile di un lettore sulla spiaggia
Giorno 5 – Procaci distrazioni

  1. il nostro vecchietto non vuole distrarsi ma l’occhiata distratta all’avvenente signora ci sta. Ishmael lo consiglia giusto: ‘fa una passeggiata’.
    Bello il racconto ed è diventato un appuntamento fisso.

  2. Mi è piaciuta la confidenza più stretta tra i due uomini rivelata da una risata maliziosa verso la quarantenne.
    E che donna, visto che per un bel po’ ha distratto il vecchietto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *