Lettore sulla spiaggia - Photo by Edoardo Busti

Diario difficile di un lettore sulla spiaggia
Giorno 4 – Piove in pineta

La burrasca di stanotte ha lasciato mare grosso e vento gelido sul lungomare, oltre a qualche nuvola ritardataria che ogni tanto scarica ancora la sua tristezza. Hai visto figliolo che ho fatto bene a portarmi dietro l’ombrello? Non sono poi così rincitrullito del tutto.
Mi vesto un poco di più e vado a passeggiare nel parco in pineta, decisamente più riparato dalle sferzate sulla costa. Con me porto un sacchetto con qualcuna di quelle confezioni no grassi, no zuccheri, no glutine, no lattosio, no uova -rimane qualcosa?- di cui mia nuora ha affollato la dispensa, sperando di incontrare Ishmael lungo il tragitto. Di sicuro oggi in spiaggia non c’è lavoro per lui e rischia di saltare il pasto. Lo trovo infatti all’angolo della piazza centrale a vendere ombrelli di tutte le fogge ai passanti. Anche lui mi aspettava: mi porge una raccolta di racconti di un autore della sua terra, tradotta in inglese, così mentre lui migliorerà il suo italiano, potrò anch’io allenare l’unica lingua straniera che conosco. Mi chiedo quanto gli sia costato recuperare quel libro, ma un regalo non si rifiuta mai e lo ringrazio di cuore. Poi gli offro un cappuccino e un cornetto caldi, sotto gli occhi esterrefatti di una cameriera bigotta, troppo giovane per sapere quanti italiani sono emigrati in america nel primo dopoguerra, qualcuno morto anche di stenti nell’illusione di un sogno concesso a pochi. Là in mezzo, tra le lapidi, c’è anche mio zio.
Una cosa che m’incuriosisce di Ishmael è come, nonostante la vita assolutamente precaria che posso solo immaginare, lui si presenti così ben pulito, curato e profumato, molto più di me che a queste cose pure ci tengo. Non senza imbarazzo glielo chiedo. Mi sorride divertito, lasciando che i suoi denti di madreperla purissima risaltino sull’ebano intenso della sua pelle. Mi spiega che in spiaggia la sera si trova di tutto, confezioni con ancora qualche goccia di bagnoschiuma abbandonate alle docce e creme solari dimenticate nei tavolini, che seppure non gli servono, sono molto odorose. Beato consumismo.

(continua…)

 

Segui tutto il Diario difficile di un lettore sulla spiaggia, un giorno alla volta: calendario del diario.

Comments (16)

Stefano

Ago 30, 2017 at 12:02 PM

Si fa umano. Molto bene. Comincia a piacerci, Vedremo gli sviluppi.

Reply

Barbara Businaro

Ago 30, 2017 at 4:46 PM

Bentornato Stefano 🙂 Il tuo commento oggi è stato il test dopo la migrazione di server di stanotte. (Ancora non è partita la mail di notifica di oggi, stiamo verificando)

Reply

Stefano

Ago 30, 2017 at 5:20 PM

In effetti, la 4^ puntata del racconto non mi è stata notificata per posta: l’ho trovata visitando il sito e sapendo che doveva esserci.

Reply

Barbara Businaro

Ago 30, 2017 at 6:13 PM

Grazie Stefano! Abbiamo capito che il nuovo server ha il fuso orario di Londra… ecco perché non ci partiva! 😀

Reply

nadia

Ago 30, 2017 at 12:16 PM

Delizioso. Non dico altro.

Reply

Barbara Businaro

Ago 30, 2017 at 4:47 PM

Grazie Nadia 🙂

Reply

Alessandro Blasi

Ago 30, 2017 at 6:18 PM

Sono proprio curioso di vedere cosa succederà domani al nostro amico… ormai è come se lo conoscessi da tempo!!

Reply

Barbara Businaro

Ago 30, 2017 at 6:25 PM

Domani… aspetta che guardo… eh! Domani è proprio bella! 😉

Reply

Sandra

Ago 30, 2017 at 7:23 PM

Barbara, server o non server qui ci stiamo affezionando tutti!

Reply

Barbara Businaro

Ago 30, 2017 at 7:48 PM

Sono contenta che almeno il racconto vada bene. In quanto al server, i mal di pancia non sono ancora finiti… 😛

Reply

IlVecchio

Ago 30, 2017 at 7:53 PM

Non mi somiglia per niente, però mi piace come lo stai raccontando. Anche se comincio a sentirmi geloso…

Reply

newwhitebear

Ago 31, 2017 at 3:53 PM

prosegue bene il racconto e decisamente molto umano. Alla fine Ishmael è una persona come noi che non gode degli stessi trattamenti. Il nostro vecchietto è molto più maturo di tanti altri, che si danno molte arie.
Veramente ottima è la storia.

Reply

Barbara Businaro

Ago 31, 2017 at 7:20 PM

Non sarà che il nostro vecchietto così si sente meno in colpa quando entra in rosticceria?? Bisogna pensarle tutte eh!

Reply

Tiziana

Set 01, 2017 at 6:09 PM

Questo incontro è un toccasana per entrambi. Alla faccia della cameriera bigotta e vai a capire quanti altri…

Reply

Barbara Businaro

Set 01, 2017 at 6:28 PM

Chi legge libri se capisce al volo in qualsiasi parte del mondo, no? 😉

Reply

Tiziana

Set 08, 2017 at 8:43 PM

Esattamente. Un linguaggio universale. 🙂

Reply

Leave a comment